Il Sambuco
Ricette nuove e vecchie.

  • Foto: Sabina Sala

Liquori e sciroppi, marmellate e frittelle, ma non solo. I fiori di Sambuco si utilizzano in mille modi. A Bellinzona, con la farina di granturco e i fiori di sambuco,si facevano dei biscotti chiamati "meitt".

Tradizioni locali

A Rovio i fiori venivano messi anche nel pane, per aromatizzarlo. A Mendrisio, i fiori fritti impastati con farina di miglio sono detti meiöö da panighèla . Ottimo l’abbinamento con asparagi, ricotta e alcuni formaggi.

Sulla preparazione delle fritelle, dello sciroppo o della gazzosa, ognuno ha la propria ricetta, tramandata di generazione in generazione.

Ve ne proponiamo alcune:

Gazzosa

8 litri di acqua, 8 foglie di salvia, 800 gr. di zucchero, un cucchiaio di foglie di tè, 5 limoni e un bicchiere di aceto. Miscelare il tutto insieme a diverse corolle di fiori di sambuco, e quindi far bollire. Poi esporre al sole per 40 giorni.

Sciroppo

10 fiori in un litro di acqua, con del succo di limone. Lasciare macerare per 24 ore. Spremere bene il succo, filtrare in un colino, aggiungere 1 kg di zucchero e far bollire per ca. 10-15 min. Lasciar raffreddare e aggiungere 30 gr di succo di limone.

Frittelle

15 fiori di sambuco freschi con il gambo, 50 g di burro, 200 g di farina, 150 ml di acqua minerale gassata, 150 ml di birra chiara, 2 uova, 1 bustina di vanillina o zucchero vanigliato, sale, olio per friggere, zucchero a velo.

Raccogliete i fiori di sambuco, preferibilmente dopo la pioggia e lontano dalle strade. Preparate la pastella. Fate sciogliere in un pentolino il burro, spegnete il fuoco e aggiungete la farina e il sale. Mescolate con una frusta e aggiungete gradualmente l'acqua minerale, la birra, le uova. La pastella dovrà risultare liscia, senza grumi e non troppo liquida.

Scaldate l'olio per la frittura in una padella e quando è ben caldo tuffateci i fiori precedentemente inzuppati nella pastella. Cuoceteli 1-2 minuti, finché non saranno dorati e croccanti. Passateli nella carta assorbente e poi spolverateli con lo zucchero a velo. Gustate le frittelle ancora calde.

Questa ricetta ci è stata segnalata da Sabina Sala - Blog: duebiondeincucina